Comune di Massafra


Aree Tematiche Amministrazione Visitare Massafra Albo pretorio Servizi online
HOME » Visitare Massafra » Comunicati stampa » Seduta Consiliare del 30 novembre 2021

30/11/2021

Seduta Consiliare del 30 novembre 2021

In apertura di seduta la massima assise cittadina, su invito del consigliere Giuseppe Miraglia, ha ricordato la dott.ssa Anna Maria Franchitto, già segretario comunale di Massafra, scomparsa qualche giorno fa. Miraglia ne ha esaltato le sue doti e la sua competenza. Sempre in via preliminare, Forza Italia ha comunicato il nome del suo capogruppo: Raffaele Gentile. Il vicepresidente Giancarla Zaccaro ha chiesto aggiornamenti in merito al PUMS e il sindaco Quarto ha fornito i chiarimenti soffermandosi anche sulla necessità di avere le giuste risorse per dare concreta attuazione. Il consigliere Saverio Ramunno ha interrogato l’Amministrazione sull’accesso ai finanziamenti regionali inerenti all’abbattimento delle barriere architettoniche. Il sindaco ha sottolineato come ci si stia impegnando in tal senso. Angelo Giannotta ha evidenziato come mal si conciliano, nella stessa mattinata e nella medesima area, lo svolgimento del mercato settimanale e la fila per poter eseguire il tampone molecolare.

L’assessore al Bilancio e Contenzioso Ida Cardillo ha relazionato sulla riapprovazione del Rendiconto di Gestione, già deliberato lo scorso mese di giugno, in seguito ad un “rilievo”, sottolineando che il saldo rimane invariato. Con 15 voti favorevoli e 6 contrari il punto è stato approvato. Sempre l’assessore Cardillo ha illustrato la variazione al bilancio di previsione finanziario con l’applicazione dell’avanzo di amministrazione (15 voti favorevoli e 8 astenuti) soffermandosi in particolar modo sugli stanziamenti destinati alla progettazione in vista del PNRR. 

Sul riconoscimento dei debiti fuori bilancio (approvati a maggioranza) derivanti da sentenze esecutive emesse dal Giudice di Pace in seguito a condanne per violazione al Codice della Strada, il consigliere Santoro ha chiesto l’istituzione di una Commissione di Inchiesta dedicata, in grado di occuparsi del perché si concretizzino le “soccombenze” e come queste possono interrompersi. Si è aperto un dibattito nel quale sono intervenuti diversi consiglieri sia di maggioranza, sia di minoranza. Il sindaco ha invitato a verificare se si tratta di un “problema patologico” o se si stia affrontando la “soccombenza”, che comunque mostra una curva in discesa. 

Nominati i consiglieri in seno all’Unione dei Comuni. Per la maggioranza: Miraglia, Lepore, Pizzutilo, Francesca Laghezza e Giannotta; per la minoranza: Miola e Ramunno.

Relativamente all’istituzione e composizione delle Commissioni, Gentile ha chiesto di rivedere il rapporto tra maggioranza e minoranza in termini di rappresentanza all’interno di ognuna, rimodulando il numero di componenti assegnato all’opposizione. Il sindaco ha dichiarato massima apertura per la verifica del funzionamento delle Commissioni rispetto all’attuale formazione Affari Generali: Quero, Pizzutilo, Cacciapaglia, Esposito, Lippolis, Massaro e Miola; Bilancio: Quero, Spinelli, Miraglia, Lepore, Nardelli, Errico e Ramunno; Urbanistica: Lepore, Quero, Cacciapaglia, Spinelli, Nardelli, Massaro, Miola; Ambiente e Ecologia: Pizzutilo, Lippolis, Esposito, Cacciapaglia, Lepore, Massaro e Ramunno; Lavori Pubblici: Lepore, Esposito, Lippolis, Miraglia, Pizzutilo, Massaro, Errico; Cultura: Nardelli, Cacciapaglia, Esposito, Miraglia, Pizzutilo, Miola e Ramunno; Attività Produttive: Quero, Lepore, Lippolis, Cacciapaglia, Miraglia, Errico e Miola; Controllo e Garanzia: Nardelli, Pizzutilo, Spinelli, Miraglia, Lippolis, Errico e Silvestri.  

L’assessore all’Urbanistica Michele Bramante ha relazionato sull’approvazione dei lavori di messa in sicurezza delle aree a rischio idraulico “immissione Canale Patemisco 2° stralcio” con adozione della variante urbanistica, sottolineando quanto tale opera sia importante e in grado di mitigare il rischio idrogeologico. Bramante si è anche soffermato sul sistema di convogliamento di acque e sugli interventi da effettuare alla foce del fiume Patemisco.

Massafra, 30 novembre 2021   

Condividi su