Comune di Massafra


Aree Tematiche Amministrazione Visitare Massafra Albo pretorio Servizi online
HOME » Visitare Massafra » Comunicati stampa » Seduta Consiliare del 22 Luglio 2015 – Bilancio di Previsione 2015

22/07/2015

Seduta Consiliare del 22 Luglio 2015 – Bilancio di Previsione 2015

Il consigliere incaricato al Bilancio e Finanze, Antonio De Giorgio, ha relazionato sul Bilancio di Previsione 2015 e sul Bilancio Pluriennale 2015-2017. De Giorgio ha affermato che gli obiettivi nella stesura del documento contabile sono stati quelli della tutela delle fasce economicamente più deboli e mantenimento dei servizi educativi e socio assistenziali ritenuti fondamentali per la comunità, garantendo anche la manutenzione del patrimonio pubblico.

Sul versante delle imposte, ha continuato De Giorgio, il quadro normativo non è mutato. L’aliquota dell’addizionale IRPEF è rimasta la stessa dello scorso anno (0,8%), ma è stata ampliata la fascia di esenzione del pagamento per i redditi sino a €. 14.000. E’ stata rimodulata la TARI per le attività commerciali, artigianali ed industriali, introducendo una diversificazione di tariffa nel caso di immobili con contestuale vendita e magazzino (tariffa più bassa). Sono state confermate: le esenzioni TOSAP sui passi carrabili; le aliquote IMU (0,4% abitazione principale, 0,9% altri immobili; 0,76% immobili concessi in comodato gratuito oltre al primo grado – 500 euro, 0,76% terreni agricoli non esenti, 0,76 laboratori e negozi); le aliquote TASI, le esenzioni IMU per gli immobili concessi in comodato gratuito. Confermate anche tutte le altre riduzioni TARI. Tra le modifiche del Regolamento per la componente TARI, l’art. 12 prevede una riduzione del 20% della quota variabile per le utenze domestiche singole che dichiarano di provvedere al compostaggio domestico della frazione organica dei rifiuti urbani. Sempre a proposito della TARI De Giorgio ha sostenuto che, nonostante un lieve aumento della tariffa fissa derivante dai costi di avvio del servizio della raccolta differenziata, si riscontra una diminuzione della tariffa pari ad una media generale del 16%. Il mancato pagamento della TARI resta nell’ordine del 36%. Il bilancio 2015 – ha concluso De Giorgio – intende stimolare l’imprenditorialità locale e la creatività culturale, attraendo quanto più possibile risorse finanziarie esterne. Le Entrate tributarie sono €. 15.528.595,00 e rappresentano il 64% delle entrate correnti, quella da trasferimenti sono €. 6.036.568,00, mentre le extra-tributarie ammontano a complessivi €. 2.605.788,00. La spesa di parte corrente è pari a complessivi                   €. 24.132.562,75. Le spese in conto capitale sono €. 11.649.064,16.  Le opere che saranno finanziate dal bilancio corrente sono: ristrutturazione centro disabili plesso “F. Resta”, impermeabilizzazione palestra “De Amicis” ed eliminazione di barriere architettoniche. 

A proposito della TARI, Baccaro ha evidenziato che, sebbene il Consiglio si sia già espresso in modo favorevole sulla “tariffa puntuale”, prevista sull’effettiva quantità prodotta e non sulle superfici effettivamente possedute, questa non si riscontra nel prossimo bilancio. La “bilancia elettronica”, presso l’ecocentro – ha continuato Baccaro – è importante per ottenere uno sconto sulla tassa per l’anno successivo o un “premio” incentivante. Miccolis, a proposito dell’ecotassa, ha espresso forte preoccupazione per la “caduta” di percentuale di raccolta differenziata. Cofano ha posto l’attenzione del Consiglio sulla quantità di rifiuti abbandonati per strada e su come, alla riduzione dei costi di smaltimento rispetto allo scorso anno, non corrisponda un effetto diretto (riduzione) sugli avvisi di pagamento che riceveranno i cittadini. Putignano è intervenuto sulla situazione generale della raccolta differenziata e sulla situazione igienico-sanitaria patita da Massafra proprio in seguito alla modalità di raccolta e all’abbandono incontrollato dei rifiuti. Pelillo ha parlato di un piano finanziario “rifiuti” veritiero solo per la quadratura delle cifre. Laghezza ha sostenuto che il problema “rifiuti” vada ricercato a monte. L’assessore al servizio raccolta RSU, Raffaele Gentile, ha auspicato un incontro per dibattere in modo approfondito la questione. Altro punto trattato analiticamente è stato quello delle agevolazioni per combattere il “gioco d’azzardo”. Pelillo ha chiesto un impegno deciso per definire la situazione “sale gioco” e le agevolazioni connesse per i locali che rifiutano l’installazione delle “macchinette”. Inoltre il consigliere Miccolis ha posto, in modo fermo, la sua attenzione sulle misure premianti in favore degli esercenti che scelgono di dismettere o non installare nel proprio esercizio le apparecchiature per il gioco d’azzardo. Il Consiglio ha approvato un documento che impegna sindaco e dirigenti competenti ad attuare iniziative utili a disincentivare il “gioco d’azzardo” ed individuare agevolazioni fiscali per gli esercenti che dismettono o rifiutano le apparecchiature per il gioco. Miraglia ha proposto di inviare una nota al direttore generale della ASL con la quale si chieda, all’interno del Poliambulatorio massafrese, la presenza di una figura specifica da affiancare alle famiglie colpite da “ludopatia”. A proposito della “pressione fiscale” il consigliere Laghezza ha chiesto, considerato il momento economico, di individuare una serie di strumenti deflattivi per il contribuente che eliminino le sanzioni, mentre Cofano ha parlato di un condono in grado di salvaguardare il recupero della sorte capitale. Miccolis ha proposto, per i cittadini con basso reddito, il pagamento delle tasse con la prestazione di servizi in favore della collettività. Sul punto inerente l’approvazione del Piano di Alienazioni e valorizzazioni immobiliari si è aperto un dibattito focalizzato sulla stima (Laghezza) e sulla necessità di legare le alienazioni alla realizzazione dei capannoni da destinare agli operatori del Carnevale Massafrese (Putignano). Approvato il regolamento comunale di gestione del compostaggio domestico. I consiglieri hanno trattato anche altri argomenti. Putignano si è soffermato sulle previsioni di entrata e sulle sanzioni. Maraglino ha parlato di un regolamento per l’affidamento di lavori con procedure d’urgenza e sulla necessità del funzionamento dell’URP. Zanframundo ha chiesto di verificare l’attività delle commissioni e il consequenziale “recepimento” da parte degli Uffici, anche con l’ausilio di sedute consiliari monotematiche e ha inoltre parlato di settori abbandonati come quello della Pubblica Istruzione o dei Lavori Pubblici. Il consigliere Ventura si è soffermato sull’abbattimento delle barriere architettoniche. Il consigliere Cofano ha esaminato il bilancio previsionale, invitando ad una maggiore prudenza nella previsione delle entrate extra tributarie. Il bilancio 2015, ingessato con spese fisse ben determinate, ha dichiarato Cofano, è più reale rispetto al passato. Miccolis ha espresso voto contrario, non condividendo molte scelte fatte dall’amministrazione, come quella di “investire” il recupero dell’evasione non sui cittadini, ma su altro.

Con 16 voti favorevoli, 4 contrari e 5 assenti, il Consiglio ha approvato il Bilancio di Previsione 2015, il Bilancio Pluriennale 2015-2017 e la Relazione Previsionale e Programmatica 2015-2017.

Massafra, 22 luglio 2015
 

 

Condividi su