Comune di Massafra


Aree Tematiche Amministrazione Visitare Massafra Albo pretorio Servizi online
HOME » Visitare Massafra » Comunicati stampa » Celebrata la Festa dell’Unità Nazionale - Giorno delle Forze Armate 4 Novembre 2019

04/11/2019

Celebrata la Festa dell’Unità Nazionale - Giorno delle Forze Armate 4 Novembre 2019

Con la vostra e nostra presenza, pur nella diversità di “fasce”, uniformi, divise e colori, viviamo la storia, ma al contempo creiamo punti di riferimento per il domani.

Così il sindaco Fabrizio Quarto, questa mattina, in apertura del suo intervento pronunciato in occasione della Festa dell’Unità Nazionale – Giorno delle Forze Armate, celebrata e organizzata dalla Civica Amministrazione.

Il corteo cittadino, dopo essersi formato in Piazza Garibaldi presso la casa comunale ed aver attraversato Corso Italia, è giunto in Piazza Vittorio Emanuele per la deposizione di una corona di alloro al “Monumento ai Caduti”.

Erano presenti: una rappresentanza delle Forze Armate con in testa il comandante la Compagnia dei Carabinieri di Massafra, Nicola Saverio Leone, militari del 16° Stormo dell’Aeronautica Militare; l'Associazione Carabinieri, la Sezione Combattenti e Reduci, l’Associazione Bersaglieri, la Sezione Invalidi e Mutilati di Guerra, l’A.N.P.I., l’ANMIL, il Gruppo  M.A.S.C.I., volontari della Croce Rossa Italiana, una rappresentanza del Consorzio Guardie Giurate, autorità civili, alunni degli Istituti “Mondelli” e “De Ruggeri”, degli Istituti Comprensivi “De Amicis – Manzoni”, “Pascoli – Andria” e “S.G. Bosco”, accompagnati da dirigenti, docenti e genitori.  

La celebrazione Eucaristica, in memoria dei caduti, è stata presieduta da don Michele Quaranta che, nel corso della sua omelia, si è soffermato sulla toccante storia del “Milite Ignoto” e su cosa rappresenti per tutti noi.

Il sindaco Fabrizio Quarto, rivolgendosi ai giovani presenti, li ha invitati a ritagliarsi i giusti spazi da occupare leggendo la Carta costituzionale, “navigatore” per eccellenza della nostra vita. Tutti i 139 articoli in essa contenuti – ha affermato Quarto – rappresentano i mattoni con i quali costruire ponti e non muri. Quest’anno – ha continuato il sindaco - ricordiamo il 30° anniversario della caduta del “Muro di Berlino”, per ben 28 anni tragico simbolo di vergogna. Il muro di Berlino non tagliava in due un luogo, ma l’umanità. In queste pagine di storia dobbiamo cogliere la direzione e le scelte più giuste per il nostro futuro.  

Il sindaco ha affermato che, ad oltre 100 anni di distanza dal 4 Novembre 1918, ricorrenza della vittoriosa conclusione della Prima Guerra Mondiale, il mondo è profondamente mutato, ma nonostante ciò tutti noi, oggi come allora, possiamo fare affidamento sui militari della nostra Repubblica e sul patrimonio inestimabile di valori di cui essi sono portatori e custodi. Per queste ragioni un doveroso e immenso grazie va rivolto all’Esercito Italiano, alla Marina e all’Aeronautica Militare, all’Arma dei Carabinieri, alla Polizia di Stato, alla Guardia di Finanza, ai Vigili del Fuoco, alla Polizia Locale, alla Croce Rossa Italiana e alle Associazioni Combattentistiche e di Volontariato, per essere sempre pronte al nostro fianco, mantenendo una solida pace sociale, integrità territoriale e interessi collettivi.

Noi – ha concluso il sindaco – abbiamo la fortuna e la libertà di poter dire: mai più muri, anche quelli fatti di odio, di intolleranza, di emarginazione, di bullismo, di incomprensione, di sopraffazione.

 

Massafra, 4 novembre 2019

Condividi su